giovedì 17 luglio 2014

Cassazione: commette reato l'amministratore condominiale che non riconsegna la contabilità




Dopo la scadenza del suo mandato, commette reato l'amministratore di condominio che non consegna la documentazione contabile

Con la sentenza n. 31192, depositata il 16 luglio 2014, la seconda sezione penale della Corte di cassazione respinge il ricorso di un amministratore che, malgrado non curasse più da tempo gli affari di un condominio, non aveva restituito le carte contabili, incorrendo così nella condanna per mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice in base all'art. 388 del Codice penale



Il ricorrente contestava  la valenza penale del suo comportamento, riteneva altresì illegittimo il provvedimento d'urgenza, previsto dall'articolo 700 c.p.c., in forza di tale provvedimento gli era stato infatti ordinato di consegnare i documenti impropriamente trattenuti.
L’amministratore contestava la non adottabilità della misura nei suo confronti, in quanto la stessa sarebbe limitata a tutelare la proprietà.

giovedì 3 luglio 2014

RIFORMA FORENSE: PROGETTO LEGGE M5S 18.06.2014 di COLLETTI Andrea


Immagine: Palazzo Montecitorio | via Wikimedia


  

Aggiornamento articolo al 25.09.2014 - Tweet di Andrea Colletti (M5S): "Ieri ho depositato la mia proposta di legge sulla riforma dell'ordinamento forense".




"Rispetto alla proposta messa su Lex questa attualmente depositata è una proposta più light poiché stiamo ancora meglio analizzando come far svolgere l'esame di abilitazione.


I punti salienti della proposta (A.C. 2643) sono questi:


abolizione dell'art 21 della Legge professionale in tema di «continuità, effettività, abitualità e prevalenza» dell'esercizio della professione forense;


abrogazione dell'obbligo di iscrizione alla Cassa Forense potendo optare anche per il regime dell'Inps;



abrogazione dei contributi minimi obbligatori e obbligo di esigere contributi solo in percentuale al proprio reddito;


abrogazione dell’obbligo di stipulare una polizza specifica contro gli infortuni propri e dei propri collaboratori, ovvero un grosso favore fatto da Monti alla lobby degli assicuratori;


- trasformazione da obbligatoria a facoltativa della stipula di una polizza assicurativa per responsabilità civile derivante dall’esercizio della professione;


- Si introduce la condizione del superamento della sola prova orale dell’esame di Stato di cui all’art. 46 della nuova disciplina dell’ordinamento forense per l’iscrizione all’albo circondariale di magistrati ordinari, magistrati militari, magistrati amministrativi o contabili e avvocati dello Stato che abbiano cessato le loro funzioni senza essere incorsi in provvedimenti disciplinari;


- si abroga il titolo di specialista e la formazione continua obbligatoria;


- Si estende l’eleggibilità al Consiglio Nazionale Forense a tutti gli avvocati iscritti all’albo circondariale ordinario da almeno 2 anni, e non solo agli iscritti all'albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori;


-Si eleva da 2 a 6 anni, decorrenti dal passaggio in giudicato della sentenza penale di condanna per reato non colposo, il termine in cui si prescrive la riapertura del giudizio disciplinare nei confronti del professionista a carico del quale sia stata pronunciata detta condanna". 

martedì 1 luglio 2014

live traffic settimanale